Politica

INCHIESTA SANITÀ,ROSPI(M5S): TENTANO DI SOSTITUIRSI A MAGISTRATURA

È assurdo quanto sta accadendo in Basilicata, tutta la Giunta regionale e il Pd protestano contro una decisione presa dalla magistratura in totale autonomia. Ennesimo avvilente tentativo di sostituirsi al potere giudiziario”.

E’ quanto afferma in un nota il Senatore del Movimento 5 Stelle Gianluca Rospi sottolineando che “Da Platone ad Aristotele, da Locke sino ad arrivare al pensiero di Charles Luis de Secondat, barone di Montesquieu, tutti i grandi pensatori della storia hanno teorizzato il principio di separazione dei poteri, in modo tale che ognuno possa controllare l’altro in maniera capillare, allontanando la tirannia.

Principio che i nostri padri costituenti hanno inserito anche nella nostra Costituzione repubblicana, che definisce la magistratura ‘autonoma e indipendente da ogni altro potere’ (art.104).

L’art.101 a sua volta afferma che i giudici amministrano la giustizia ‘in nome del popolo’ e ‘sono soggetti soltanto alla legge’. Pertanto – prosegue Rospi – né la Presidente facente funzioni Franconi, né gli assessori Cifarelli, Braia, Pietrantuono e Castelgrande, tantomeno gli esponenti del Pd lucano come Polese e Giuzio, devono interferire con le scelte della magistratura.

Dovrebbero invece preoccuparsi gli assessori e gli esponenti del Pd lucano di liberare la Basilicata, piuttosto che tenerla in ostaggio con un governo in prorogratio solo per gli affari correnti.

L’unico gesto utile per la nostra terra sarebbe quello delle loro dimissioni in blocco per consentire al popolo lucano di esprimere un voto democratico. Bisogna infine fare un plauso alla magistratura lucana che – conclude il senatore M5S – non si piega al potere politico e che svolge il proprio impegno in maniera dirigente e trasparente”.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *