Cronaca

SENISE, RIBALTARE IL PASSATO E PREPARARE IL FUTURO

Senise, il centro della Basilicata con la più grande diga d’Europa, si appresta a vivere la stagione delle novità capaci di ribaltare il passato e preparare il futuro.
In questi anni l’Arena Sinni, una sorta di spettacolare anfiteatro che sorge nella pianura a valle del paese, ha raccontato, infatti, un tempo della storia che appartiene a tutti, quello dello sbarco dei greci lungo le coste del mare Jonio e ora documenta arte e spettacoli in linea con il presente. Se ciò accade non è per caso: in fondo i vari momenti sono un concentrato di attualità e di scelte che si sono succedute e ora arrivano a una svolta.
“Senise ha bisogno di costruirsi una sua identità” sostiene la sindaca Rossella Spagnuolo, donna giovane e dinamica, primo cittadino da poco più di un anno.
Punta a non cancellare la vocazione agricola dell’area, una grande risorsa dei decenni passati prima della diga di Monte Cotugno, guardando con fiducia alla Zes, la zona economica speciale, a cavallo tra Puglia e Basilicata, passando per Matera 2019 intesa come cultura del territorio nelle sue molteplici forme.
Lavori per tre milioni di euro prenderanno infatti il via tra non molto, nella terra tristemente nota per la frana della Collina Timponi con le sue otto vittime.
Un dramma che la lasciato il segno dal quale però anche negli anni scorsi Senise ha voluto ripartire con coraggio e vigore.
Il territorio appunto. Ricco di risorse, capace di una produttività non da poco che deve dare garanzie allo sviluppo, sottolinea la Spagnuolo, vedendo nella Zes un polo di attrazione di investimenti e scelte produttive per aprire nuovi orizzonti all’occupazione.
Soprattutto i giovani vogliono rimanere in questa terra, prosegue la sindaca, con l’orgoglio di chi crede nell’avvenire. Più che giustificato un fatto del genere anche perché l’alternativa sarebbe la perdita di peso, lo spopolamento progressivo a danno non solo della comunità locale. Ma dell’intera area Sud che vede la cittadina capofila a tutti gli effetti.

Molte buone ragioni, non escluse quelle legate all’enogastronomia, sono alla base di un cambiamento di rotta in cui dinamismo, voglia di crescere, capacità di guardare al futuro diventano la vera scommessa che passa per Senise ma coinvolge l’intera Basilicata, in questa vigilia non solo del 2019, ma di numerose scelte importanti.

Rocco De Rosa

leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *