Cultura ed Eventi

Cinema, Mibact: aperte iscrizioni per Fondo di cosviluppo Italia – Cile 2018

Dal 31 maggio fino al 26 luglio 2018  è possibile partecipare alla terza edizione del  Fondo di coSviluppo di progetti di lungometraggio tra l’Italia ed il Cile istituito il 17 maggio 2016, nell’ambito della 69esima edizione del Festival di Cannes, tra la Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (DGC- MiBACT) e CinemaChile – Consejo del Arte y la Industria Audiovisual – Consejo Nacional de la Cultura y las Aartes.

Il Fondo – si legge sul sito della dg Cinema del Mibact – è destinato allo sviluppo di progetti di lungometraggio – senza limiti di genere – destinati al prioritario sfruttamento cinematografico con una dotazione di 80.000 euro (40.000 messi a disposizione dalla Direzione Generale Cinema e gli altri 40.000 da parte del CNCA cileno). L’aiuto massimo per ciascun progetto non potrà essere superiore al 80% del preventivo di sviluppo e non potrà superare l’ammontare di 20.000 euro.

OGGETTO DELL’AIUTO

Il contributo è finalizzato a sostenere le seguenti spese di sviluppo relative a: la remunerazione degli autori per il lavoro di scrittura necessario per lo sviluppo della sceneggiatura finale e l’acquisizione da parte del produttore dei diritti di adattamento e di sfruttamento cinematografico del progetto; alcune spese accessorie relative alla scrittura e allo sviluppo del progetto, specificamente quelle corrispondenti a lavori di ricerca, sopralluoghi, documentazione, traduzione, i costi del personale e relativi oneri sociali, nonché le eventuali spese legali.

Per i film di animazione, potranno, inoltre, essere presi in considerazione: i costi di sviluppo grafico; il costo di produzione di una copia pilota.

Il producer fee, entro il limite del 2,5% dei costi di sviluppo, unitamente alle spese generali, fino ad un massimo del 7,5% dei costi di sviluppo, possono essere inclusi nel preventivo.

L’ammontare dei rispettivi costi (producer fee e spese generali), in ogni caso, non potrà superare il 10% del preventivo di sviluppo. Saranno rimborsati solo i costi sostenuti prima del primo giorno di presentazione della domanda di Nazionalità preventiva e successivamente alla presentazione della domanda di aiuto.

Approfondimenti:

Fondo Italia-Cile 2018

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *