News Musica

Acronimo Costanzo racconta i nonni nel nuovo singolo intitolato “All’Ospizio “

All’OSPIZIO: I NONNI E LA TERZA ETA’ VISTA DA ACRONIMO COSTANZO. L’IRONICO RITORNO DEL CANTAUTORE TOSCO-NAPOLETANO CHE ANTICIPA COSI’ IL SUO QUARTO ALBUM.

Si intitola “All’Ospizio” ed è il nuovo singolo di Acronimo Costanzo che anticipa il quarto album dell’artista intitolato “Il frastuono delle formiche”, in uscita a maggio su etichetta   Suono Libero Music.

In questo brano il cantautore, nativo di Frattamaggiore (Na) ma residente da anni nella lucchese Capannori, dove insegna come Maestro di scuola primaria,  sceglie la chiave dell’ironia-filosofica per parlare  dell’importanza dei nonni : “Ognuno di noi è un universo prezioso, portatore sano di amore senza età- afferma Acronimo- il tempo non esiste, esistono solo lo sviluppo intellettivo continuo e la crescita emotiva di ciascuno”.  E continua così a spiegare la scelta di parlare di una tematica tanto attuale quanto bistrattata come la terza età : “Se accettiamo i limiti e la ricchezza del tempo, possiamo pure metter da parte gli orologi e calendari e contemplare le rughe dei nostri nonni per capire che i cari vecchi sono la quotidiana saggezza e sono Indispensabili eternamente”.

LA CANZONE “All’OSPIZIO”

Inconsapevole special guest è l’attrice Marisa Laurito, presente con un campionamento vocale con quel suo “fetente”, entrato di diritto tra le frasi cult della commedia all’italiana, tratto dal celebre film “Il mistero di Bellavista” di Luciano De Crescenzo.

La canzone, arrangiata da Marco Corcione con la direzione artistica di Nando Misuraca, ha un’ubicazione geometricamente “triangolare”.

Sono 3 difatti le città coinvolte nella mente dell’autore: Roma per la bellezza del suo romanesco (percepibile nel cantato), Atene per l’andatura incalzante del Sirtaki (udibile nell’arrangiamento), e Parigi per l’immagine che il brano nel suo insieme vuole  rimandare, un trio di musicanti di strada tra le boulevard parigine.

Il testo narra di una vicenda che appartiene alla realtà d’oggi ma che sfocia  in un finale surreale. Un nipote “fetente”  lascia da solo il nonno in un ospizio incurante dei suoi sentimenti e desideri…l’anziano che malinconicamente accetta la scelta. Prima però, un ultimo atto: lasciare un bel regalino al nipote, un testamento tanto saggio e appropriato quanto ironico e amaro.

Il videoclip, scritto e sceneggiato dallo stesso Acronimo Costanzo, è curato dal giovanissimo Davide De Luca con la partecipazione in scena di Michelangelo Costanzo(padre del cantautore) nel ruolo del “nonno”, Angela Onorato (notaio), e le gemelle Milena e Veronica Auletta (nipoti).

(a cura dell’Ufficio Stampa Suono Libero Music)

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *