Cultura ed Eventi

Il Mediometraggio “MARCELLINO PANE E VINO” 19 Aprile a Terranova di Pollino (Pz) alle ore 17.00

Il Mediometraggio “MARCELLINO PANE E VINO” remake con la regia di PIETRO GIUSEPPE D’ARANNO girato interamente nel Monastero Madonna D’Orsoleo di Sant’Arcangelo (Pz), dopo il successo della prima a Senise in provincia di Potenza, verrà proiettato il 19 Aprile a Terranova di Pollino (Pz) alle ore 17.00 presso la sala consiliare del Comune in occasione di POLLINOLANDIA un progetto, che permette ai giovani del nostro territorio di esprimere al meglio i propri talenti e le proprie capacità.

Un mediometraggio che ancora commuove, soprattutto nelle scene dei colloqui tra Gesù e Marcellino dove il regista D’Aranno ha saputo conservare intatto il sentimento d’amore che ne scaturisce. Il progetto parte da un bando della scuola Istituto Comprensivo Nicola Sole di Senise con la partecipazione degli alunni, i ragazzi alla prima esperienza cinematografica e con protagonista un bambino di sette anni “Antonio Falco” per l’appunto Marcellino che viene abbandonato neonato davanti un convento di Frati Francescani e da loro adottato e cresciuto.

Questa storia di Josè Maria Sanchez Silva scritta nel 1955 dice il regista mi ha un po’ spaventato, poi studiando e rileggendo tutto il materiale ha capito che la scommessa era quella di farlo.

La sceneggiatura è stata riadattata dal regista e da Roberta Santarcangelo rispetto al testo originale, con l’aggiunta di una importante e carismatica figura femminile “Madre Teresa di Calcutta” e il premio Nobel per la pace Malala.

Il cast tecnico scelto dal regista stesso vede la figura di Giovanni Ragone come direttore della fotografia e Esmeralda Da Ru come organizzatore e aiuto regia. I costumi sono stati realizzati da Maria Rossi e Lucia Mileo e le scenografie da Domenico Allemma e Domenica Vigorito.

Il Mediometraggio con la scelta del regista in bianco e nero dura 37 minuti. La colonna sonora è stata realizzata con la voce di Cinzia D’Angiolillo e le musiche originali di Luca Fabrizio.

 

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *