Cronaca

A soli 13 anni Ahmed parte da solo dall’Egitto verso Lampedusa per curare il fratello minore

E’ una storia a lieto fine quella di Ahmed, 13 anni, partito dall’Egitto per trovare medici disponibili a curare il fratellino di 7 anni, affetto da una patologia del sangue. Il piccolo, grazie alla mobilitazione della Regione Toscana, sarà curato in Italia

Dall’Egitto all’Italia per salvare il fratellino malato. A soli 13 anni Ahmed ha compiuto una lunga traversata per curare dalla piastrinopenia, una gravissima malattia del sangue, il fratello minore.

L’eroica impresa, come racconta il Corriere della Sera, è cominciata dal delta del Nilo, da Rashid Kafr El Sheikh, dove Ahmed è partito per Lampedusa nascosto in un carro di animali, tenendo ben al riparo dalle intemperie la fotocopia di un certificato medico.“I miei genitori, i miei zii, tutta la famiglia – racconta il tredicenne – mi hanno fatto partire per trovare in Sicilia, in Italia, in Europa un ospedale, dei medici disposti a curare e operare il più piccolo dei miei fratelli, Farid, sette anni, da tre colpito da una malattia del sangue”. La piastrinopenia, causata da una riduzione nella produzione midollare di megacariociti, come scrivono i medici egiziani che hanno tentato un primo intervento. Ma per il fratello di Ahmed non è bastata e una seconda operazione, che comporta l’asportazione della milza, costa 50mila lire egiziane per una famiglia di contadini che guadagna solo tremila lire all’anno.

La malattia del fratello di Ahmed

“Il mio sogno è vedere mio fratello giocare senza sentirsi male, giocare con me a calcio e correre insieme senza aver paura che svenga perché non riesce a stare molto in piedi…”, racconta Ahmed. E ricorda: “È stato terribile vedere dimettere mio fratello dall’ospedale perché mio padre non aveva i soldi per pagare le cure e per l’operazione”. Nel viaggio verso Lampedusa, Ahmed ha dovuto fermarsi in un capannone della spiaggia di Baltim dove si è nascosto dai trafficanti e scafisti che picchiavano i suoi compagni di viaggio. “Alcuni – racconta – derubavano gli uomini, altri afferravano giovani donne trascinate in un magazzino da dove tornavano in lacrime prima della partenza sul barcone… Pensavo di morire in mare. Né cibo né acqua. Soltanto un sorso di acqua a persona al giorno…”.

Ahmed è arrivato  19 agosto in aereo a Firenze, dove sarà preso in carico dai servizi sociali del Comune, e verrà ospitato in una struttura di accoglienza del Comune di Firenze, individuata di comune accordo con la Prefettura. Farid e i suoi genitori arriveranno a Firenze nei prossimi giorni. Al Meyer sono pronti per accoglierlo. “Possiamo seguirlo da subito – dicono dalla direzione sanitaria dell’ospedale pediatrico – Non appena avremo tutta la sua documentazione e le informazioni cliniche, valuteremo la sua situazione e stabiliremo quali sono le cure necessarie per lui”.

Intanto la Fondazione Careggi onlus ha avviato una raccolta fondi.Chiunque lo voglia, può contribuire con una donazione. IBAN IT13D0867302805042000420393, causale: Aiutiamo Farid.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *