Cronaca

PIANO SISTEMA SANITARIO REGIONALE: INCONTRO A CHIAROMONTE

Pittella: nessuno toccherà il presidio. Saranno confermati tutti i servizi presenti. Alle eccellenze presenti se ne aggiungeranno delle altre

Continuano gli incontri territoriali per la presentazione e la discussione, assieme ad amministratori e cittadini, del piano di riassetto sanitario della Regione Basilicata. A Chiaromonte l’incontro si è svolto nella mediateca dell’ospedale “San Giovanni” ed ha visto la partecipazione del presidente della Regione Marcello Pittella e di alcuni componenti del comitato tecnico che ha stilato il piano, tra cui i direttori generali dell’Azienda Sanitaria di Potenza, Giovanni Bochicchio, dell’Azienda ospedaliera San Carlo di Potenza, Rocco Maglietta, e del Dipartimento Salute della Regione, Donato Pafundi.

“Nessuno toccherà il presidio chiaromontese – ha detto Pittella- ma saranno confermati tutti i servizi già presenti. Tra questi esistono da anni vere e proprie eccellenze, alle quali se ne aggiungeranno delle altre: il Centro dei Disturbi e del Comportamento Alimentare e del Peso, la Residenza Sanitaria Assistita, il Centro per i Disturbi Alcologici e, a breve, il Centro dedicato alla cura dello spettro autistico con un progetto di residenzialità per ospitare i bambini. Tutte le attività ambulatoriali tutt’ora esistenti saranno confermate”.

Affidandosi all’analisi del contesto sociale nel quale nasce il piano di riassetto sanitario, il direttore Bochicchio ha evidenziato come “in un territorio, in generale quello regionale, in cui è molto alto il tasso di anzianità, è necessario, muovendosi nel quadro normativo esistente, accrescere la percezione di sicurezza”.

Inoltre è stato annunciato che, proprio nell’area del Pollino, oltre che in quello della Collina Materana, a breve partirà la sperimentazione del servizio di telemedicina. Esiste già un primo finanziamento d circa 350mila euro per dare il via al servizio.

Dopo gli interventi tecnici e istituzionali è stato dato ampio spazio al dibattito, con gli interventi di sindaci, operatori sanitari e cittadini.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *