Calcio & sport

IL 2 GIUGNO A MATERA LA GIORNATA NAZIONALE DELLO SPORT

Arti marziali, calcio, basket, pallavolo, badminton, tennis tavolo, ginnastica, bocce, e poi ancora: tiro a segno, atletica, ciclismo, scherma, rotellistica, nordic walking.

“Una scorpacciata di sport praticato – è scritto in un comunicato – che avrà come scenario Matera nella giornata del 2 giugno.

Dallo stadio al castello Tramontano, da piazza degli olmi a piazza San Pietro Caveoso: Matera si accinge ad ospitare una serie di esibizioni e di gare organizzate dal Comune di Matera in collaborazione con il Coni in occasione della XVI Giornata nazionale dello Sport e in coordinamento con Uisp e Fondazione Matera 2019.

Il programma delle attività è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte: l’assessore allo Sport del Comune di Matera, Giuseppe Tragni, la manager culturale della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Ariane Bieou, il presidente regionale del Coni, Leopoldo Desiderio, il presidente regionale della Uisp, Michele Di Gioia e il presidente regionale della Federazione italiana Taekwondo, Tommaso Petrelli, oltre ad alcune delegazioni delle società sportive che hanno organizzato gli eventi sul territorio.

“Matera sarà protagonista – ha sottolineato l’assessore Tragni – con un cartellone ricchissimo di attività. Ed è nostra intenzione rendere l’appuntamento fisso, perché la città ha un tessuto robusto di cultura e pratica sportiva. Il cartellone – prosegue l’Assessore Tragni – è articolato in tre macroaree. Il programma sportivo organizzato dal Comune in collaborazione con il Coni con il coinvolgimento di ben 18 federazioni.

L’Open Playful Space realizzato dall’Uisp e dalla Fondazione Matera Basilicata 2019. Il gran evento serale della Federazione TaekWonDo.

Molti gli spazi urbani teatro delle iniziative: dal Boschetto al Castello, da piazza San Francesco a via Sicilia (che ospiterà i ciclisti) mentre allo stadio scenderanno in campo gli sport di squadra (basket, volley, calcio). Tra le presenze notevoli il debutto del tiro a segno che non ha ancora un comitato regionale e gli appuntamenti con il comitato italiano paralimpico.

In ogni caso, se ci sarà maltempo, le attività all’aperto si riverseranno al PalaSassi”. “Matera – ha commentato il presidente lucano del Coni, Leopoldo Desiderio – sarà riferimento nazionale per una giornata che si svolgerà in tutta Italia.

Abbiamo cominciato a lavorare da dicembre scorso al successo della manifestazione e siamo grati a Luca Corsolini della Fondazione Matera 2019 per il contributo dato. Ringraziamenti che vanno estesi ai tanti protagonisti della giornata e che hanno reso possibile un evento così importante”.

“Gli appuntamenti nel weekend dell’Open Playful Space – ha evidenziato Ariane Bieou, manager culturale della Fondazione Matera Basilicata 2019 – sono la punta dell’iceberg di due anni di lavoro. Abbiamo costruito comunità, trasmettendo a vicenda i valori di sport e cultura. La Uisp è riuscita perfettamente a realizzare questa contaminazione.

Le attività in programma hanno la particolarità – ha detto – di ricucire e ricollegare parti di città unendo attività che sportive e performance artistiche di qualità nell’ambito della street art, le arti performative e il parkour.

E’ stato un lavoro di fondo importante per Matera 2019, coinvolgendo tutti i quartieri, lasciando segni in diversi punti dello spazio urbano, in una città che cambia colore”. Il presidente regionale della Uisp, Michele di Gioia ha raccontato i “due anni di co-creazione con la Fondazione Matera Basilicata 2019.

Abbiamo cominciato nel giugno 2017 partendo dall’idea forza che ci vogliono linguaggi semplici e inclusivi per coinvolgere i cittadini nel progetto della capitale europea della cultura. La contaminazione lascerà segni visibili grazie alla collaborazione con MomArt.

La street art ha permesso di coinvolgere i più giovani così come attività di strada come la giocoleria o lo skate ci hanno permesso di animare luoghi poco vissuti della città come piazza Firrao.

Quindi noi non organizziamo un evento ma concludiamo 2 anni di attività. E diffondendo la cultura del fare movimento con l’Arte dello spostamento (Add) mettiamo assieme benessere fisico e fruizione degli spazi urbani, un’eredità che andrà oltre Matera 2019”.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button