Politica

Giunta Bardi, M5s: si affrontino subito i temi fondamentali

Giorgetti, Leggieri e Perrino parlano della necessità “di intervenire in tema di sanità portandola a livelli di servizio eccellenti”, di “una politica che spinga per l’abbandono delle fonti fossili” e di “di una rivoluzione nel settore dei trasporti”.

“Apprendiamo dalla stampa che il governatore Bardi ha finalmente sciolto la riserva e presentato la nuova Giunta. Nell’attesa di comprendere, dalle parole del presidente e dei neo assessori, quali saranno le linee programmatiche di questo governo regionale, crediamo che la Giunta debba in tempi brevi prendere provvedimenti su temi fondamentali per i cittadini lucani”.

E’ quanto affermano i consiglieri regionali del Movimento cinque stelle Gino Giorgetti, Gianni Leggieri e Giovanni Perrino.

“La necessità di intervenire in tema di sanità lucana portandola a livelli di servizio eccellenti – aggiungono – deve essere intesa da questa Giunta come una priorità assoluta, affidandola ad una gestione che non sia più politica bensì meritocratica, al fine di garantire ai cittadini lucani la giusta tutela della salute.

Tutela della salute che passa anche dalla tutela dell’ambiente, attraverso una politica che spinga per l’abbandono delle fonti fossili (petrolio) e orientata verso uno sviluppo basato sulle energie rinnovabili.

Risulta paradossale che si continui a parlare di petrolio nonostante le numerose sciagure di questi anni e le incresciose vicende giudiziarie di questi giorni”.

“La Basilicata – concludono Giorgetti, Leggieri e Perrino – ha anche un immediato bisogno di una rivoluzione nel settore dei trasporti con investimenti per il rinnovo del parco autobus, l’indizione della gara per affidare il servizio di Tpl e un complessivo miglioramento delle infrastrutture viarie, vitali per lo sviluppo regionale. Insomma, ci auguriamo che questa giunta cominci con il piede giusto questa legislatura, focalizzandosi più sui bisogno dei cittadini e meno sulle spartizioni di poltrone”.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button