Cultura ed Eventi

CONFINDUSTRIA BASILICATA: “OPEN INNOVATION STRATEGIA VINCENTE”

Favorire l’incontro tra il mondo della ricerca e quello della produzione è un fattore sempre più strategico di competitività per le nostre imprese.

Considerando i costi sempre crescenti dei processi di ricerca e sviluppo, le piccole e medie imprese devono sempre più puntare su di un modello di business che sappia sfruttare e valorizzare al meglio le innovazioni prodotte all’esterno dell’impresa (centri di ricerca, start up, etc).

Ed è su questo terreno che Confindustria Basilicata è particolarmente impegnata, con molte iniziative e variegati strumenti, anche sul territorio”.

E’ quanto dichiarato – si legge in una nota di Confindustria Basilicata – dal vicepresidente De Biasio, che è intervenuto nel seminario organizzato dal Sistema Incubatori d’impresa, in collaborazione con UniCredit Start Lab, Università degli Studi della Basilicata e Confindustria Basilicata, che si è svolto martedì presso il Campus di Macchia Romana. Un’iniziativa che ha visto coinvolti tutti i soggetti che, a vario titolo, si occupano di ricerca e innovazione sul territorio.

“Tra i risultati più importanti che vanno annoverati in questo ambito – ha continuato – c’è sicuramente la nascita dei Cluster, in attuazione di quanto previsto dalla Strategia di Specializzazione Intelligente.

Essi si configurano come veri e propri strumenti atti a favorire una virtuosa interazione tra gli enti di ricerca genericamente intesi e le PMI lucane.

Proprio le piccole e medie imprese che, in termini dimensionali, rappresentano la fetta più consistente del settore produttivo regionale. necessitano di un maggior supporto per poter accedere alle opportunità dei mercati internazionali.

Ci fa piacere constatare che fino a questo momento il dialogo con gli attori istituzionali coinvolti, come Università e Regione, ha già prodotto buoni risultati.

Fatto dimostrato anche dal numero di start up nate sul territorio, che si contraddistinguono per un particolare dinamismo”. I lavori sono poi proseguiti con le testimonianze dirette di alcuni casi aziendali particolarmente virtuosi.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button