Cultura ed Eventi

A Matera, cinque giorni di International Co-operative Alliance.

Si comincia con la riunione delle grandi aziende cooperative mondiali alla quale partecipa anche Auxilium

Si sono aperti stamattina a Matera i lavori dell’International Cooperative Alliance, l’organizzazione che riunisce 2,6 milioni di cooperative nel mondo, con una importante riunione del Think tank di ICA, al quale partecipano i rappresentanti di grandissime aziende cooperative di livello internazionale, come il Gruppo argentino Sancor Seguro, la Cooperativa La Cruz Azul, messicana, il gruppo olandese Rabobank e la spagnola Mondragon Corporation, solo per citare alcuni nomi.
Il Think tank costituito all’interno di ICA riunisce gli esperti di grandi aziende per discutere sui problemi della cooperazione ed elaborare una linea comune a livello mondiale.
“Noi rappresentiamo – ha detto il presidente dell’International Cooperative Alliance Ariel Guarco – che sarà presente a Matera fino alla chiusura dei lavori di ICA il 30 marzo – 1,2 miliardi di soci cooperatori.
Non vi è nessun altro movimento economico, sociale e politico così grande. Ma la cosa più importante è che noi produciamo, usiamo le risorse che ci offre il pianeta, in armonia con l’ambiente e in solidarietà con le nostre comunità”. 
Proprio al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile Onu per il 2030 saranno dedicati i lavori a porte chiuse del BOARD ICA, che si terranno dal 27 al 30 marzo.
 
Presente alla riunione delle grandi aziende cooperative anche Angelo Chiorazzo, fondatore della cooperativa Auxilium, che dichiara: “Occasioni come queste aiutano a guardare al futuro riscoprendo lo spirito delle origini del movimento cooperativo. 
Oggi nel mondo le imprese cooperative garantiscono più di 250 milioni di posti di lavoro, generando ricchezza per 3000 miliardi di dollari annui.
Solo in Italia sono attive 78.300 cooperative che danno lavoro a più di un milione e 300 mila persone, parliamo dell’8,5 del Pil italiano, ma soprattutto di un modello al quale guardare per creare sviluppo, coesione, occupazione di qualità, in particolare al sud.
Perché la cooperazione è nata per unire le persone, per renderle protagoniste del proprio lavoro”.
La presenza di ICA a Matera Capitale della Cultura 2019, prevede in questi giorni anche un importante convegno sul ruolo della cooperazione nei Beni Culturali e dello sviluppo sostenibile, che si terrà nella Sala degli Stemmi del Palazzo Vescovile il 29 Marzo alle ore 10.
Mentre il 30 di marzo il rappresentanti del Board ICA visiteranno i servizi di alcune cooperative, tra le quali Auxilium, che sarà poi anche chiamata a spiegare cos’è la cooperazione sociale in Italia e ad illustrare il modello dell’assistenza domiciliare integrata ai pazienti fragili, considerata una best practice.
Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button