Cronaca

Euronews media partner di Matera 2019

Euronews realizzerà contenuti video televisivi e digitali da poter condividere e diffondere sui social network, offrendo agli utenti una panoramica completa su Matera 2019, incoraggiandoli a partecipare attivamente ai progetti che verranno sviluppati a Matera nel corso dell’anno.

12 sono le lingue in cui Euronews produce contenuti per il canale televisivo e le piattaforme digitali.

Sei episodi di “Go Matera”, serie tv che mostra il percorso fatto dalla città lucana per diventare capitale europea della cultura, saranno mandati in onda e diffusi sia sul canale televisivo sia sui canali social di Euronews.

Carolyn Gibson, chief revenue officer di Euronews, ha dichiarato: “insieme a Fondazione Matera 2019 abbiamo l’occasione di sviluppare e trasmettere contenuti esclusivi che promuovono gli eventi organizzati a Matera come capitale della cultura europea.  Dal momento che Euronews raggiunge quasi 400 milioni di case in 160 paesi diversi, saremo davvero in grado di portare Matera 2019 in tutto il mondo”.

Paolo Verri, direttore generale di Fondazione Matera 2019, ha aggiunto: “accoglieremo molti visitatori e speriamo che la serie televisiva “Go Matera”, che sarà trasmessa da Euronews, possa dare a molte altre persone provenienti da ogni parte del mondo l’opportunità di apprezzare la bellezza della nostra regione e la ricchezza del nostro patrimonio culturale”.

Matera è conosciuta per i suoi quartieri incastonati nella roccia, meglio noti come “sassi”, che a partire dal 1993, sono entrati a far parte dei siti Unesco riconosciuti come patrimonio dell’umanità a livello mondiale.

Nel 2019 Matera è stata selezionata, assieme alla città bulgara Plovdiv, come una delle due capitali europee del 2019, riuscendo a diventare la prima città del Sud Italia ad ottenere questo riconoscimento.

Il 69% del pubblico di Euronews è composto da viaggiatori internazionali e la partnership con Fondazione Matera 2019 avrà lo scopo di raggiungere persone sempre più culturalmente curiose.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button