Cultura ed Eventi

POESIA E RABBIA NELL’“EVOLUZIONE” DE IL DUBBIO

Poesia e rabbia. In queste due parole si racchiude l’essenza di “Evoluzione”, il disco d’esordio deIl DUbbio, progetto pugliese nato per l’urgenza di comunicare svincolandosi da barriere e imposizioni.

Evoluzione” nasce come un concept che parla di un cammino in una villa disabitata. Si incomincia con l’intro strumentale, “Garden” (il giardino della villa), e man mano ci si inoltra tra i corridoi e le varie stanze, ognuna impregnata di un ricordo, per poi infine trovare l’uscita con un “Sorriso”, ultima traccia dell’album.

Le basi nascono dalle improvvisazioni in sala prove, sfruttano la tecnologia più moderna e la piegano al volere della parola che su quelle basi si adagia producendo un flusso di pensieri libero e viscerale.

Se le canzoni de Il DUbbiofossero un’immagine si potrebbe pensare proprio ad un piccolo foro liberatorio creato dalla pressione dell’acqua nell’artificiale muraglia di una diga: da quel foro l’acqua, potente e incontenibile, sgorga fluttuante fino a valle, portando distruzione per ciò che è effimero ma permettendo anche di ripartire finalmente da zero, per “capire la serenità delle piccole cose”, come recita un verso di “Conto i passi”, primo singolo estratto, di cui è disponibile anche un videoclip realizzato da Domenico Velletri, visibile qui:

https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=mmoYhtXVM58

Nei testi de Il DUbbiosi parla di libertà (“…e aspetto di alzarmi in volo, e allora sarò libero”, sempre da “Conto i passi”), di radici e di verità (“Cerca le radici e cerca la verità” da “Radici”), di paura del futuro (soprattutto nella commovente “Vecchio cinema”), delle varie sfumature del senso di “Evoluzione”, di solitudine per la fredda virtualità dei rapporti sociali e di altri argomenti “scomodi” ma su cui è necessario fermarsi a riflettere e soprattutto attendere prima di giudicare: “concedi il dubbio” (da “L’asta”).

Il DUbbio è un progetto di Niko Lotti (già membro de Il Demone Meschinoe La Musa) che si avvale della partecipazioni di artisti con cui collabora ormai da anni, quali Gianfranco “Mode-G” Chieppa (alle voci e alle percussioni) e Fabio Lotti (alle chitarre).

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button