Cultura ed Eventi

INTESA SANPAOLO PORTA I GIOVANI ALLA SCALA

Nei documenti dell’Archivio storico, fin dal 1902 il sostegno della Banca con il riconoscimento della funzione educativa e divulgativa del “sommo teatro Milanese”

La Banca sostiene inoltre la mostra “La Magnifica Fabbrica di Milano”sulla storia architettonica del Teatro

Milano, 28 novembre 2018– Anche quest’anno Intesa Sanpaolo, socio fondatore sostenitore della Fondazione Teatro alla Scala, conferma l’attenzione ai giovani e alla divulgazione della musica classica.

Fin dal 2005 la Banca sostiene Scala Under30, il progetto che prevede spettacoli e agevolazioni per ragazzi tra i 6 e i 30 anni e in particolare porta duemila giovani ad assistere alle due anteprime che inaugurano la Stagione d’Opera e di Balletto del Teatro.

Martedì 4 dicembreprossimo alle 18 assisteranno all’anteprima di Attiladi Giuseppe Verdi in una rappresentazione riservata a loro con la medesima direzione, il medesimo cast, la medesima scenografia della tradizionale Prima del 7 dicembre.

Sabato 15 dicembreappuntamento con l’anteprima de Lo Schiaccianoci di Čajkovskij, che aprirà la Stagione di Balletto.

Il sostegno al Teatro e in particolare all’attività verso i giovani segue la traccia segnata da una delibera risalente al 1902: “La Commissione Centrale di Beneficenza in Milano, amministratrice della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde delibera di accordare alla Commissione per l’esercizio del Teatro alla Scala un sussidio di L. 10.000 all’anno per 5 anni”.

Il 22 maggio 1902, giorno in cui fu deliberato tale gesto, segna quindi l’inizio di un rapporto che tuttora lega Intesa Sanpaolo, dove la Cariplo è successivamente confluita, e il Teatro.

Nel documento emerso dall’Archivio storico di Intesa Sanpaoloi consiglieri sottolineano infatti il “carattere educativo nell’esercizio del sommo teatro Milanese” e “l’importanza artistica, morale ed economica della Scala” con l’auspicio che “rimanga scuola dell’arte in una delle sue più pure ed universali manifestazioni a vantaggio di ogni classe di cittadini”.

Fin da allora era quindi nel pensiero degli amministratori della Cariplo che il sostegno al Teatro dovesse essere mosso da obiettivi educativi e divulgativi, così come la necessità di sostenere il ruolo “del nostro massimo Teatro, … intorno al quale si impernia tutta una compagine di interessi industriali e commerciali, indissolubilmente collegata colla prosperità economica della nostra Città”.

Inoltre, sempre con l’obiettivo di favorire ladiffusione della cultura melodrammatica tra i giovani, Intesa Sanpaolo, nell’ambito del proprio Progetto Cultura, realizza da alcuni anni il programma Vox Imago, pubblicazioni multimediali che attraversano la storia dell’opera lirica – prevalentemente dedicate a opere della Scala – destinate agli insegnanti di musica e materie letterarie delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Con oltre 14 pubblicazioni, Vox Imago ha interessato oltre 1000 scuole e 5000 docenti in tutta Italia che, con percorsi interdisciplinari, trasmettono agli studenti la complessità, la bellezza e l’attualità dell’opera lirica.

Oltre alle scuole, sono 2800 le biblioteche, di cui 800 scolastiche, che ricevono ogni anno oltre 37 mila volumi. Il progetto ha ottenuto il riconoscimento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close