Cronaca

POLITICHE URBANE, SIGLATO ACCORDO CON LA CATALUNYA

Rafforzare la cooperazione e la ricerca, qualificare l’elaborazione dei processi di pianificazione finalizzati ad attuare la Convenzione Europea del Paesaggio del 2000, migliorare le politiche e il governo del territorio.

Sono questi gli obiettivi principali che s’intendono realizzare mediante la sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione tra l’Osservatorio Regionale per il Paesaggio e il Territorio della Basilicata, istituito dalla Giunta regionale di Basilicata nel 2014, e l’Observatori del Paisatge de Catalunya.

Firmato oggi a Barcellona (ES) dal dirigente generale del Dipartimento Ambiente e Energia della Regione Basilicata Carmen Santoro e dal direttore del Observatori del Paisatge de Catalunya Pere Sala Martí.

L’accordo, che si inserisce nelle previsioni di cooperazione previste dall’art 8 della Convenzione Europea del Paesaggio, definisce un percorso di qualificazione della ricerca, di trasferimento dei risultati e di scambio fra la Regione Basilicata e la Comunità Autonoma della Catalunya.

L’accordo – ha sottolineato il dirigente generale Carmen Santoro nel corso della firma – oltre ad essere un significativo strumento di scambio di esperienze con una comunità territoriale che costituisce un caso rilevante e di interesse internazionale in materia di pianificazione, rappresenta un tassello significativo per la coproduzione di studi e analisi funzionali alla redazione del Piano Paesaggistico che la Regione Basilicata, con grande sforzo e determinazione, ha intrapreso negli ultimi anni con l’obiettivo di dotarsi di un unico strumento di governo, uso e tutela del territorio lucano, considerando il paesaggio una risorsa da valorizzare”.

A dimostrare la nascita di questo percorso di condivisione è l’inserimento della firma nell’ambito di una iniziativa più ampia di formazione internazionale sui temi delle politiche urbane e dell’informazione territoriale voluta dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori e Paesaggisti di Potenza e provincia e organizzata con il coordinamento scientifico del Departament di Geografia dell’Universitat Autonoma de Barcelona e dal Centro Interdipartimentale di Ricerca LUPT “Raffaele d’Ambrosio” dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Negli ultimi trent’anni – ha detto il presidente dell’Ordine degli Architetti di Potenza e Provincia Gerardo Leon – Barcellona è stata considerata un vero e proprio laboratorio delle politiche urbane, attirando l’interesse di studiosi, tecnici e decision makers di tutto il mondo.

Per questo motivo abbiamo deciso di costruire un’occasione unica per i nostri iscritti di partecipare ad una settimana di formazione intensiva incentrata tanto sulle metodologie, quanto sulle esperienze e gli strumenti che in questi anni sono stati messi in campo dai colleghi della Catalunya”.

Durante la settimana intensiva di formazione, infatti, il gruppo di architetti lucani che si è iscritto al corso ha avuto modo non solo di seguire lezioni frontali e teoriche sugli aspetti tecnici e disciplinari in materia di politiche urbane, ma ha potuto partecipare a sessioni di studio, dibattiti e sessioni di pratica sull’uso dei sistemi informativi territoriali.

A tutto questo sono state affiancate una serie divisite presso alcune delle istituzioni e dei soggetti più significativi della pianificazione territoriale della Catalunya: dall’Area Metropolitana di Barcellona all’Institut Cartogràfic i Geològic de Catalunya, all’Ordine degli Architetti dalla Catalunya e alla visita di uno dei quartieri della città in cui sono in atto processi di riabilitazione urbana.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *