Cronaca

A Colobraro il 17 porta bene , e il sindaco Bernardo pensa già al 2019: “Sarà una grande festa con magiche sorprese”

A Colobraro i sogni non finiscono mai. Da poco conclusa l’ottava edizione del viaggio tra “Magico e Fantastico”, a “quel paese” si guarda già al futuro.

E al sindaco Andrea Bernardo – a cui va riconosciuto il merito di aver creduto in un’impresa per molti impossibile- le idee certo non mancano per il prossimo “Sogno di una notte a quel paese”.

“ Il 2019 sarà un anno di festa – ricorda Bernardo- e la nostra è già una grande festa, in cui chi ci viene a trovare diventa parte integrante dello spettacolo.

Per questo Colobraro è già pronta  a moltiplicare energie e capacità di accoglienza per far vivere una festa nella festa in onore di Matera capitale europea della Cultura.

Il percorso teatralizzato, scritto e diretto da Giuseppe Ranoia, – anticipa- continuerà a mantenere la sua struttura di racconto itinerante, popolato da monachicchi, masciare, fattucchiere, lupi mannari e morti parlanti, ma con tante novità”.

Il primo cittadino, a questo proposito, non svela nulla per non togliere quel pizzico di.. magia che ha fatto di Colobraro anche quest’anno uno dei macro-attrattori più apprezzati di Basilicata.

Con una media di 2 mila presenze a serata, l’allegra brigata del “Sogno di una notte a quel paese” ha accolto e fatto divertire circa 17 mila visitatori. Ancora una volta 17.

E il record stagionale, neanche a dirlo, è stato raggiunto proprio venerdì 17 agosto, con oltre 3 mila presenze. “Siamo felicissimi del riscontro che l’evento, alla sua ottava edizione, continua a riscuotere – commenta soddisfatto Bernardo- Le persone, come sempre, sono andate via da Colobraro, contente e divertite. Siamo riusciti a strappare un sorriso a tutti.

Per noi si tratta di una riconferma che ci gratifica di tutti gli sforzi  compiuti da una squadra che si avvale del contributo di centinaia di persone” .  Accanto ai circa trenta figuranti (tutti attori non professionisti, fatta eccezione per Emanuele Asprella), infatti, lavorano altrettanti volontari, tra addetti alla sagra, al mercatino dell’artigianato locale e alle visite guidate al Palazzo delle Esposizioni, dove è allestita la mostra fotografica “Con gli occhi della Memoria”, insieme alla mostra su “La Civiltà contadina” e “La casa contadina”.

Ma lungi dal cullarsi sugli allori il primo cittadino di Colobraro è già al lavoro per la nona edizione. “Il rinnovato interesse nei confronti di Colobraro da parte non solo dei turisti, ma anche degli studiosi- spiega Andrea Bernardo- è uno stimolo a migliorare ulteriormente la nostra offerta culturale.

Le principali novità riguarderanno la fase di intrattenimento iniziale, che introduce al percorso teatralizzato. E poi, in cantiere, ci sono un concorso teatrale sul tema della magia e un gemellaggio molto particolare con Salem, la città delle streghe.

Intanto un primo e decisivo traguardo lo abbiamo già raggiunto: essere riusciti  a ribaltare con il percorso attraverso il “Magico e Fantastico”, l’immeritata nomea che faceva di Colobraro il paese della sfortuna.

Una cattiva fama, nata da una leggenda, che ci siamo divertiti a raccontare con leggerezza e una buona dose di autoironia.

Far riscoprire la bellezza di stare insieme, di condividere una storia, regalando sorrisi, è questa la vera magia di Colobraro”.

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close