News Musica

Sette AFK 79 degrees (singolo radio) dal 4 settembre

79 degrees, il nuovo singolo di Sette AFK tra electro e ritmi etnici

79 degrees è il secondo singolo di Sette AFK, nome in arte di Adriano Vecchio, compositore, sound designer e polistrumentista da sempre incline alla sperimentazione, da martedì 4 settembre nelle piattaforme digitali con distribuzione Artist First.

Come il precedente brano “Hello World 1964”, “79 Degrees” è parte dell’eterogeneo album “I/O Side” che sarà pubblicato nei prossimi mesi. La traccia, a forte carattere etnico/esotico, vede un’elettronica quasi d’autore, come la colonna sonora di un film tra fantascienza e fantasy.

Sicuramente più ricercata e distante dalla dance mainstream, la traccia 79 degrees è arricchita da strumenti a corde, percussioni, flauto traverso e didjeridoo che si sviluppano su un beat elettronico quadrato, aggressivo e diretto. Il brano é il manifesto che annuncia il “viaggio” motivazionale intrinseco nell’album.

Il video è realizzato a sei mani da Paula Bautista Fernandez, Mr. Even e Maria Garzo, con la partecipazione della ballerina e modella Giulia Caponetto, accompagna la traccia con movimenti di danza fusion/afro in sinergia con una visual art psichedelica e sperimentale.

Il background di Sette AFK è costruito da dodici anni di musica, tra classica e jazz, fino al diploma al Conservatorio “Giuseppe Verdi di Torino” in “Composizione di musica elettronica e nuove tecnologie del suono”. Musicista eclettico per insonnia e necessità. Dal didjeridoo, al flauto traverso, dalle macchine alle corde. Sette AFK è attualmente insegnante di composizione e armonia musicale e produttore di varie realtà musicali del nord-ovest italiano oltre che specializzato in arteterapia.

La parte del nome “Sette” deriva da un personaggio di nota saga, per metà umana e per metà androide facente parte di una singolare razza che “assimila” altre culture per avvicinarsi alla perfezione. AFK, invece, sta per Away From Keyboard, acronimo di largo uso in rete e nei paesi anglofoni.

 

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *