Media

Papa Francesco ai giornalisti: l’informazione cambia attenzione a non cadere in logiche di interessi ed ideologie

“Essere giornalista ha a che fare con la formazione delle persone, della loro visione del mondo e dei loro atteggiamenti davanti agli eventi.

È un lavoro esigente, che in questo momento sta vivendo una stagione caratterizzata, da una parte, dalla convergenza digitale e, dall’altra, dalla trasformazione degli stessi media”.

A dirlo papa Francesco, ricevendo in udienza una delegazione del Premio di giornalismo internazionale ‘Biagio Agnes’.

Spesso mi capita di vedere – ha raccontato -, in occasione di viaggi apostolici o di altri incontri, una differenza di modalità produttive: dalle classiche troupe televisive fino ai ragazzi e ragazze che con un telefonino sanno confezionare una notizia per qualche portale.

O anche dalle radio tradizionali a vere e proprie interviste fatte sempre con il cellulare”. “Tutto questo – ha sottolineato – dice che davvero stiamo vivendo una trasformazione pressante delle forme e dei linguaggi dell’informazione”.

Secondo il pontefice è “faticoso entrare in tale processo di trasformazione, ma è sempre più necessario se vogliamo continuare ad essere educatori delle nuove generazioni”, aggiungendo anche “che è necessaria una vigilanza sapiente”.

“Le dinamiche dei media e del mondo digitale, quando diventano onnipresenti, non favoriscono lo sviluppo di una capacità di vivere con sapienza, di pensare in profondità, di amare con generosità”, ha affermato ancora Francesco, aggiungendo che “i grandi sapienti del passato, in questo contesto, correrebbero il rischio di vedere soffocata la loro sapienza in mezzo al rumore dispersivo dell’informazione”.

“Non esistono ricette” per il mondo dell’informazione, ha spiegato ancora il Papa, insistendo però sul valore di tre parole: “periferie, verità e speranza“.

A proposito delle “periferie”, il Papa ha sottolineato che “molto spesso, i luoghi nevralgici della produzione delle notizie si trovano nei grandi centri.

Questo però non deve farci mai dimenticare le storie delle persone che vivono distanti, lontane, nelle periferie. Sono storie a volte di sofferenza e di degrado; altre volte sono storie di grande solidarietà che possono aiutare tutti a guardare in modo rinnovato la realtà”.

In tema di “verità”, “tutti sappiamo – ha proseguito – che un giornalista è chiamato a scrivere ciò che pensa, ciò che corrisponde alla sua consapevole e responsabile comprensione di un evento.

È necessario essere molto esigenti con sé stessi per non cadere nella trappola delle logiche di contrapposizione per interessi o per ideologie”.

Secondo il Papa, “oggi, in un mondo dove tutto è veloce, è sempre più urgente fare appello alla sofferta e faticosa legge della ricerca approfondita, del confronto e, se necessario, anche del tacere piuttosto che ferire una persona o un gruppo di persone o delegittimare un evento.

So che è difficile, ma la storia di una vita si comprende alla fine, e questo deve aiutarci a diventare coraggiosi e profetici”.

A proposito di “speranza”, infine, per il Papa “non si tratta di raccontare un mondo senza problemi: sarebbe un’illusione. Si tratta di aprire spazi di speranza mentre si denunciano situazioni di degrado e di disperazione.

Un giornalista non dovrebbe sentirsi a posto per il solo fatto di aver raccontato, secondo la propria libera e consapevole responsabilità, un evento. È chiamato a tenere aperto uno spazio di uscita, di senso, di speranza.

leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *