Cultura ed Eventi

MUSMA: L’OPERA DEGLI AFTERALL ENTRA A FAR PARTE DEL MUSEO

Sabato 5 maggio 2018 alle ore 18.30 il MUSMA presenta «Just one damn thing after the other_site specific in Ipogeo, 2018» degli Afterall, una nuova donazione per la collezione permanente del Museo.

In occasione della presentazione sarà inoltre inaugurata l’esposizione temporanea “deBasement”.

Scrive Marianna Agliottone nel testo che accompagna l’opera:

“Con «Just one damn thing after the other_site specific in Ipogeo 2018», gli Afterall chiedono diritto di asilo al «vuoto», sollecitando un senso di inconsistenza invece che la pregnanza documentaria e la verità della storia. Il loro mezzo è «l’indagine dell’invisibile», in cui il rigore è di precetto.

La loro opera emerge dall’Ipogeo come presenza solenne, non eretta ma rovesciata nel «vuoto», determinando una perturbazione straniante dell’equilibrio e della percezione sensoriale del pubblico che la attraversa dentro.

Lo spettatore diventa allora inevitabile protagonista, in grado di scorgere la faccia nascosta dell’immagine/documento, egli deve attraversare la soglia, quel diaframma astratto verso gli ambienti sotterranei, quegli spazi che costituiscono l’ossatura, le origini, del palazzo, dell’uomo e della storia.

Il monumento/documento è la vanità vuota, il suo ingombro fisico votato alla memoria diventa reticolato in legno grezzo, che attrae e non si contrappone alla monumentalità, di cui è invece l’altra faccia, per molti versi, “decostruzionista”, nel senso di una intenzionale messa in crisi radicale dei presupposti documentari del monumento celebrativo.

La vacuità diventa allora identità, un punto di osservazione che può ribaltarsi senza che cambi nulla, senza che noi stessi possiamo sapere se siamo al di qua o al di là della soglia”.

La mostra temporanea “deBasement”, che durerà fino al 17 giugno 2018, ospitata nelle Sale della Caccia del MUSMA, è un viaggio nella ricerca concettuale e performativa del duo, tra i documenti, le testimonianze, le occasioni da cui il progetto «Just one damn thing after the other» ha avuto origine.

Sono esposti gli “attrezzi del mestiere”, la grammatica del linguaggio artistico degli Afterall: antichi documenti riprodotti in raffinatissime stampe, una installazione video pensata partendo da uno dei montaggi possibili di “Que viva mexico” documentario di Sergej Ėjzenštejn, mai portato a termine a causa di complesse vicissitudini storiche.

Letture, citazioni cinematografiche, letterarie e filosofiche, tutto concorre nella direzione di una ricerca artistica e plastica che esplora la memoria e le sue lacune, le assenze, inoltrandosi in una riflessione dove gli errori, le interruzioni, le intermittenze, diventano un’ “opportunità per acquisire informazioni”.

L’opera degli Afterall è la terza nuova donazione arrivata al MUSMA su iniziativa dell’Impresa Culturale Synchronos, a cui la Fondazione Zetema ha affidato, dal 2011, la gestione del Museo.

Un Museo contemporaneo che mantenga un saldo legame con la sua storia e con i millenari ambienti in cui è ospitato: è questo lo spirito con cui Synchronos ha deciso di approcciarsi alle novità del mondo della scultura contemporanea, per offrire al pubblico internazionale della città di Matera e ai cittadini materani un museo sempre più vivo e ricco.

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Close