Cultura ed Eventi

LAMS: AL VIA IL MATERA SPRING MUSIC FESTIVAL

Per il Matera Spring Musical Festival domani 22 aprile appuntamento con l’Orchestra, coro e soli per il Requiem di Mozart. Alle 20,30 nella Cattedrale di Matera, ingresso libero, organizzato dal Lams e dall’associazione Rocco D’Ambrosio.

“Il festival – si legge nella nota – ha in programma sette appuntamenti dal 21 aprile al 29 giugno 2018 con la musica sinfonica, sacra, jazz, opera, recital e la promozione dei giovani talenti a Matera, Potenza e Montescaglioso.

Appuntamento con la musica sacra domani 22 aprile con inizio alle 20,30 nella Cattedrale di Matera, il Laboratorio arte, musica e spettacolo (Lams) Matera e l’Associazione Rocco D’Ambrosio offrirranno al pubblico il Requiem in Re minore K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart.

Il concerto è il primo appuntamento del Matera Spring Music Festival, rassegna iniziata sabato 21 aprile nella cattedrale a Potenza con la prima del Requiem.

A eseguire l’ultima composizione del musicista di Salisburgo saranno i 30 musicisti dell’Orchestra di Matera e della Basilicata diretti dal Maestro Giovanni Pompeo.

Le parti vocali sono affidate all’ Ensemble vocale “Florilegium Vocis” di Bari diretti dal Maestro Sabino Manzo e i solisti: Maria Laura Iacobellis, soprano, Tina D’Alessandro, mezzosoprano, Sebastiano Giotta, tenore e Alberto Comes, basso.

La Messa di Requiem in Re minore K 626 è l’ultima struggente composizione di Mozart. Rimasta incompiuta per la morte dell’autore, avvenuta il 5 dicembre 1791 e questa incompiutezza è all’origine di tutta una serie di misteri.

La vedova Constanze, comprensibilmente desiderosa di riscuotere il saldo della partitura incompiuta, affidò il completamento dell’autografo a musicisti legati all’entourage del marito. Fu principalmente Franz Xaver Süssmayer, allievo del compositore, a completare le parti mancanti.

Prima di lui erano stati coinvolti altri due allievi, Franz Jakob Freystädtler e Joseph Eybler, sotto il probabile coordinamento di un altro musicista vicino alla famiglia Mozart, l’abate Maximilian Stadler. Tutti costoro furono legati da un vincolo di segretezza: nessuno doveva sospettare che Mozart non fosse l’unico autore del Requiem.

È solo nel 1825, quando ormai da molto tempo il Requiem era stato eseguito e pubblicato, che vennero avanzati i primi reali sospetti sul contributo di altre mani nel completamento della partitura, dando luogo a una controversia che sarebbe durata per parecchi anni.

La rassegna del Matera Spring Music Festival proseguirà fino al 29 giugno 2018”.

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close