Cronaca

INCONTRO DEI GIOVANI DI SERRA DI PEPE (RUOTI) CON PAPA FRANCESCO

Stringere la mano di Papa Francesco, raccontarsi e pregare con lui e a un passo da lui sono esperienze uniche e forse irripetibili che ogni cristiano sogna, ed è proprio quello che è accaduto ad un gruppo di fedeli di una piccola parrocchia nel Comune di Ruoti, quella di Sant’Antonio di Padova della località Serra di Pepe ieri, domenica 11 Marzo”. Lo comunica la portavoce Veronica D’Andrea.

Guidati dal Pastore Don Mimmo Lorusso, sacerdote della comunità, quaranta giovani fedeli, si sono fermati ad aspettare, fuori dalla casa di Santa Marta, l’uscita del Pontefice, con canti religiosi accompagnati dal suono di una chitarra. “Il Papa- continua il comunicato- sentendosi acclamato e chiamato con gioia dai giovani lucani, si è avvicinato e con naturalezza da parte sua e con la profonda commozione dei ragazzi, li ha salutati personalmente chiedendone la provenienza e chiedendo loro di pregare insieme tutti uniti recitando un Ave Maria”.

“Dalla periferia nasce la vera missione di Chiesa – afferma Don Mimmo Lorusso – alla luce del Sinodo con i Giovani indetto dal Santo Padre per dare voce alle speranze dei ragazzi, abbiamo organizzato questo bellissimo pellegrinaggio a Roma prendendo alla lettera quello che è il significato stesso della parola Sinodo, ovvero “camminare insieme” che proprio durante l’incontro speciale dei vescovi previsto per il prossimo ottobre 2018 porterà la Chiesa a prendersi cura delle nuove generazioni, riflettendo sul loro vissuto, la loro vocazione e le loro scelte- continua Don Mimmo- con l’esperienza di oggi, mi sono accorto che tutto è un dono, tutto è grazia e quando il Signore decide di meravigliarti con delle sorprese, come quella dell’incontro con il Pontefice non possiamo non riflettere su come sia grande la sua volontà. Anche i giovani sono una sorpresa per il mondo e mi auguro che anche per la piccola comunità di Serra di Pepe siano i giovani la speranza che accende l’amore per il bene e l’amore per la comunità”.

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close