Comunicato Stampa

Majatica Jazz Festival 2017 a Ferrandina

Musica, sapori, degustazioni, cultura… Sabato 30 dicembre 2017 questo connubio sarà protagonista a Ferrandina, presso l’ex Convento di Santa Chiara. Il Majatica Jazz Festival 2017 nasce per portare per la prima volta un festival Jazz a Ferrandina e valorizzare il prodotto unico che coltiviamo e produciamo che è la Majatica.

L’apertura del Expo&Food alle ore 17:00, anticiperà̀ gli appuntamenti con Jazzisti di spessore Nazionale ed internazionale, alle 18:00 apertura con Raffaele Pecora 4tet con Pino Melfi (trumpet), Frank La Capra (bass), Francesco D’Alessandro (drum) e Raffaele Pecora alla chitarra. Alle 19:00 spazio al Jazzista e Polistrumentista Attilio Troiano con il quartetto in “Swingin’ Christmas” (Basilijazz) accompagnato da Andrea Candela (piano), Giuseppe Pignatelli (contrabbasso) e Giovanni Scasciamacchia (batteria) a seguire Jam Session.

Obiettivo del Festival, per la Amministrazione e per il giovane direttore artistico del festival è valorizzare al contempo il patrimonio artistico monumentale del territorio anche attraverso la valorizzazione delle specificità gastronomiche di cui la Majatica è protagonista assoluta, essendo una cultivar d’olio a duplice attitudine; infatti la drupa oltre all’estrazione di un olio dalle peculiari caratteristiche si presta alla preparazione di olive al forno, come prodotto da tavola.

Le olive nere al forno di Ferrandina, è bene ricordare, sono uno dei principali prodotti tipici della Basilicata e (insieme ad altri quattro prodotti lucani) rientrano nei “Presìdi Slow Food”, i progetti di promozione e salvaguardia delle produzioni tipiche e delle biodiversità.

Le prime testimonianze scritte sulle olive infornate prodotte a Ferrandina risalgono al 1700. Tuttora la lavorazione avviene secondo il metodo tradizionale, solo in parte adeguato ai tempi e alle tecnologie moderne.
In un tempo in cui si presta sempre più attenzione alla qualità dei prodotti dell’agroalimentare il 30 sappiamo che chi verrà a Ferrandina non resterà̀ deluso e potrà̀ godere di un turismo sostenibile che concilia territorio, bellezza, musica.

Condividi sui social media