Comunicato Stampa

Codice appalti ed opere pubbliche convegno Legacoop Basilicata a Matera il 31 Ottobre

Verificare, dal punto di vista degli operatori economici, lo stato di attuazione della nuova normativa sui contratti pubblici e l’impatto che sta generando; fare il punto sul mercato delle opere pubbliche e dei servizi nel Mezzogiorno per aprire una prospettiva di rilancio. Sono questi gli obiettivi dell’iniziativa organizzata da Legacoop Produzione&Servizi nella mattinata di martedì 31 ottobre, con inizio alle 9:30, presso la sala convegni dell’hotel San Domenico di Matera.

All’indomani della pubblicazione del nuovo Codice degli appalti, nell’aprile del 2016, – si legge in una nota di Legacoop Basilicata – si auspicava di recepire una riforma organica per l’intero settore, ma il legislatore è dovuto più volte intervenire, modificando buona parte dell’impianto e costringendo da un lato i funzionari pubblici chiamati a gestire le procedure di gara a barcamenarsi tra le norme che variano con frequenza quasi settimanale e le ingombranti linee guida dell’Anac, dall’altro generando disorientamento nelle imprese e, di conseguenza, gravi effetti distorsivi sul mercato.

“Dopo un trend positivo nei primi mesi del 2017 rispetto all’anno precedente, da giugno si riscontra nuovamente una riduzione dei bandi pubblicati – osserva Loredana Durante, responsabile Legacoop Produzione&Servizi Basilicata – perché le tante stazioni appaltanti, di cui attendiamo ancora l’accorpamento, piuttosto che rischiare sanzioni preferiscono rinviare continuamente all’istituto della proroga. Si registra pertanto una stagnazione del mercato con un’incidenza pesante soprattutto al Sud”.

Mentre il settore manifatturiero, dopo la crisi, riprende finalmente a crescere, quello delle costruzioni ancora stenta a riprendersi. “La risposta risiede in una integrazione delle competenze, in una progettazione che contempli realizzazione e gestione: in una sola parola, nell’intersettorialità”, dichiara Paolo Laguardia, consigliere delegato per il Mezzogiorno di Legacoop Produzione&Servizi. “La nuova associazione, che formalmente si costituirà il prossimo 30 novembre, va in questa direzione allo scopo di offrire il miglior supporto possibile al riposizionamento dell’offerta imprenditoriale delle cooperative aderenti e a sostenerle nelle nuove esigenze che il mercato impone”.

Quello di Matera è il secondo di tre incontri organizzati, sul territorio insulare e meridionale, da Legacoop Produzione&Servizi, che rappresenta nel Mezzogiorno 1220 cooperative e oltre 12mila lavoratori, a cui se ne aggiungono 220 che, attraverso un’iniziativa di workers buyout, hanno salvato il proprio posto di lavoro rilevando nell’ultimo biennio quindici aziende. Dopo la tavola rotonda a cui prenderanno parte Vittorio Di Vuolo (Consorzio Integra), Mauro Pasolini (Consorzio Conscoop), Sergio Zaccarelli (CNS), Arnaldo Redaelli (presidente nazionale Anaepa Confartigianato), Giovan Battista Perciaccante (presidente Comitato Mezzogiorno Ance), interverranno tra gli altri Angelo Raffaele Rinaldi (direttore Suarb), Alessandro Genovesi (segretario nazionale Fillea Cgil), Carmelo Rollo (vicepresidente nazionale Legacoop) e il senatore Salvatore Margiotta. Le conclusioni sono affidate a Carlo Zini, presidente nazionale Legacoop Produzione e Servizi.

Condividi sui social media