Cronaca

Seconda Vita – Scusa se sono un poeta

Il singolo “Scusa se sono un poeta” del duo Seconda Vita sarà in rotazione radiofonica e disponibile nei webstore a partire dal 27 ottobre, in contemporanea alla pubblicazione del videoclip su Youtube.

“Scusa se sono un poeta” è un brano che propone una linea melodica orecchiabile d’immediato effetto, con una dolce vena malinconica, attraverso un testo in cui le parole si armonizzano perfettamente con la breve storia che racconta, quella del poeta che sa volare con la fantasia ma non camminare nella realtà.

Allo stesso modo il protagonista è capace, meravigliosamente di parlare d’ amore eppure…non sa amare.

Il videoclip di “Scusa se sono un poeta” è stato girato nella penombra di un teatro vuoto, dove emerge il contrasto con immagini più luminose che compaiono sullo schermo solo per brevi istanti. Il video, con i suoi giochi di luce e la sua armonia, è in perfetta sintonia con il testo di questo brano melodico e immediato che narra le vicende del poeta, il quale si innamora dell’amore ma in realtà, irrimediabilmente solo, si accorge di sapere amare soltanto la sua poesia.

Singolo e videoclip anticipano l’uscita dell’album dal titolo omonimo “Scusa se sono un poeta” prevista per il 7 novembre e in preorder dal 27 ottobre.
Il disco, pubblicato dall’etichetta Saar Records, contiene otto brani inediti e originali da “cantautore”, ricchi di poetiche atmosfere: quindi con qualcosa di musicalmente molto diverso da ciò che oggi è il “solito”.

In questa società dove l’esistenza si allunga e si può continuare a creare e a inventarsi nuovi obiettivi a qualsiasi età, il nome della band chiamata “Seconda Vita” è quanto mai emblematico. In effetti i due componenti, Umberto Longoni e Tony Dresti stanno cogliendo un’altra occasione nella musica (ecco perché “Seconda Vita”). Infatti dopo lontani trascorsi discografici oggi si ripropongono con il loro album “Scusa se sono un poeta” della storica etichetta Saar Records (la stessa che fu di Luigi Tenco, Adriano Celentano, Fausto Leali, Enzo Jannacci, Tony Dallara e tanti “big”) e grazie al suo direttore artistico Roby Matano, figura “mitica” della musica italiana, noto per essere stato artefice, o per aver collaborato, al lancio discografico di Luigi Tenco, Gino Paoli, Lucio Battisti, Paolo Conte e molti altri.

I protagonisti del progetto musicale “Seconda Vita” sono Umberto Longoni e Tony Dresti. Il primo, voce e chitarra, oltre che autore della maggior parte dei pezzi della band, da giovanissimo ha realizzato varie cose interessanti in ambito musicale, collaborando a lungo con Daniele Pace (noto per avere firmato con Panzeri e Pilat innumerevoli brani in cima alle classifiche). Inoltre ha scritto una canzone di Gigliola Cinquetti (“Artista e vagabondo”) che ha girato il mondo. Oggi è psicologo e scrittore. Il secondo, Antonio Dresti, ex bassista live di Battiato, eseguì le parti di “L’era del cinghiale bianco”, “Patriots to arms” e “La voce del padrone”. Con l’orchestra di Rinaldo Prandoni ha inciso il 45 giri “Il cuore brucia” oltre ad avere avuto molte altre esperienze artistiche di alto livello.

NICLA RABBOLINI – FRANCESCA ROMANO
Ufficio Stampa DIVI IN AZIONE
Via Andrea Palladio 16 – 20135 Milano
Tel. 02 58310655
ufficiostampa@divinazionemilano.it
www.divinazionemilano.it

Condividi sui social media