Cronaca

Promuovere Matera: sottoscritto protocollo tra il MIUR e la Fondazione Matera2019

Promuovere la città di Matera, il suo patrimonio e le molte iniziative del programma di Matera 2019-Capitale Europea della Cultura. Coinvolgere le studentesse e gli studenti in progetti di cura e rigenerazione del patrimonio culturale, coniugando l’arte con il linguaggio digitale e la scienza. Promuovere la cittadinanza attiva e democratica attraverso la conoscenza e il rispetto delle differenze. Favorire il dialogo tra le culture. Sono gli obiettivi contenuti nel Protocollo d’intesa firmato questa mattina al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal Sottosegretario Vito De Filippo e dalla Presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019 Aurelia Sole, Rettrice dell’Università degli Studi della Basilicata, con cui si avvia un rapporto di cooperazione tra il Miur e la Fondazione per promuovere nelle istituzioni scolastiche di tutta Italia le iniziative previste dal programma Matera-Basilicata 2019-Capitale Europea della Cultura.

Tra le prime azioni del Protocollo, il coinvolgimento di 80 studentesse e studenti vincitrici e vincitori delle competizioni nazionali organizzate dal Miur, chiamati a Matera dal 25 al 27 ottobre per scoprirne i tesori e confrontarsi con rappresentanti delle istituzioni e professionisti “eccellenti” di diversi settori. Il 27 ottobre, data in cui si celebrerà la Giornata delle Eccellenze, quest’anno proprio nella città lucana, le studentesse e gli studenti “eccellenti” saranno proclamati Ambasciatori di Matera 2019, con il compito di promuovere il vasto programma di Matera-Basilicata 2019-Capitale Europea della Cultura, presso le proprie realtà educative.

Il Protocollo prevede inoltre che, nel percorso di avvicinamento al 2019, il Miur e la Fondazione si impegnino a promuovere, presso le scuole di ogni ordine e grado, progetti che guardano all’arte e alla scienza e all’ambiente. In particolare, alunne e alunni saranno invitati a partecipare al progetto ‘Biophilia’ dedicato alla contaminazione tra musica e scienza, pensato per incentivare l’utilizzo della creatività imparando al contempo scienze, musica e tecnologia e ritenuto particolarmente adatto alle bambine e ai bambini affetti da dislessia e sindrome di deficit di attenzione. Il progetto “Matera 3019”, già inserito nel dossier di candidatura di Matera a Capitale della Cultura Europea, ha l’obiettivo di far riflettere sul futuro remoto e sulla consapevolezza ambientale. In generale, il Miur e la Fondazione incentiveranno l’innovazione culturale, la valorizzazione e la trasmissione della conoscenza del territorio, con la collaborazione di partner locali, nazionali ed internazionali, e degli atenei, in particolare l’Università della Basilicata.

Condividi sui social media