News Musica

TERRAMADRE In radio il nuovo singolo “Nadia non si diverte più”

“Nadia non si diverte più, il trucco non è più così leggero ma l’invidia è più pesante per chi può ancora sognare”

Un brano dal sapore malinconico che lascia la porta aperta ai sogni e che saprà trasportare l’ascoltatore nel mondo di Nadia.

Un genere rock alternativo italiano, che affonda le sue origini dai grandi autori della musica italiana e associa sonorità british più introspettive e graffianti.

 

I TERRAMADRE sono Dimitri Costa (voce), Tommaso Galvani (tastiere) e Paolo Signifredi (basso). Il progetto musicale vanta la partecipazione di artisti nazionali ed internazionali come Roberto Gualdi (PFM, Vecchioni, Lucio Dalla, …), Niccolò Bossini (Ligabue), Emiliano Vernizzi (Ligabue, Enrico Ruggeri, Gianluca Grignani, Mario Biondi, …), Giordano Gambogi (Ladri di biciclette, Notre-Dame de Paris di Cocciante, Nomadi, Mario Biondi, …), Erik Montanari (Nada, Caravane de Ville, Massimo Zamboni, Graziano Romani, …), Giovanni Marani (Ligabue, Mario Biondi), Lucio Boiardi Serri (Mietta, fonico studio di Ligabue, Vasco Rossi), Alberto Paderni (I Rio, Mietta), Fabio Ferraboschi (I Rio, Cristiano De André), Nicola Denti (Custodie Cautelari, Dik Dik), Gianluca Losi (fonico Marlene Kuntz), Andrea Benassai (Sonoria Recording Plant) e altri.

“Italia RE-Rock” – La canzone d’autore veste di nuovo e si tinge di sfumature rock.

“Italia RE-Rock” attua una rilettura e reinterpretazione di brani italiani dagli anni ’70 agli anni ’90 con la collaborazione di musicisti di fama nazionale ed internazionale al fine di scoprire una nuova chiave di lettura dei testi ed attualizzando il brano attraverso nuove sonorità.
Un vestito musicale dallo stile internazionale, dagli accessori ricercati e moderni. La canzone fa rivivere momenti ed emozioni passate ma allo stesso tempo pone riflessioni sulla contemporaneità e su tempi futuri rivelando un’inaspettata attualità dei testi e la filosofia dei brani, autentici ed indelebili icone musicali.

 

Condividi sui social media

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*