Cronaca

Vigile ucciso, uomo confessa delitto Movente passionale, prima fugge poi chiama e consegna pistola

Ha sparato uccidendo un vigile urbano davanti casa, poi è fuggito e infine ha telefonato ai carabinieri confessando l’omicidio; all’origine del gesto, con tutta probabilità, un movente passionale. L’uomo sospettato di essere l’assassino di Remo Giuliano, vigile urbano di 57 anni ucciso questa mattina a Barile (Potenza) è stato fermato dai Carabinieri ed è ora interrogato dagli investigatori e da due magistrati della Procura della Repubblica di Potenza. Si tratta di Alessandro Caccavo, di 64 anni. Ai carabinieri ha consegnato la pistola usata per commettere il delitto, con la quale ha sparato cinque colpi. ANSA

Condividi sui social media

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*