Altri Sport, Sport

Scott Full e pettorale numero 1. I segreti della vittoria di Paolo Colonna alla Mainarde Bike Race.

Solo un mese fa l’avevamo visto impegnato in Germania con la Nazionale Italiana MTB. Era il 25 giugno e Paolo Colonna (Scott Racing Team), per la prima volta in maglia azzurra, conquistava uno splendido 48° posto ai Mondiali di Singen su un percorso molto scorrevole e veloce. 1000 km più a sud, dopo un mese, Paolo Colonna è tornato più carico che mai per dominare sul panorama nazionale delle ruote grasse.

Così, Domenica 23 Luglio si è presentato con la sua Scott Full per affrontare al meglio un percorso tecnico e altamente adrenalinico ed ha conquistato il gradino più alto del podio della Mainarde Bike Race.

Sin dalle prime battute l’altamurano si è messo in testa trascinando con sé Giovanni Pensiero (HGV CICLI CONTE RACING TEAM) e Luigi Ferritto (A.S.D TEAM GIANNINI), ma ai -20km, all’inizio di un single track da brividi, ha aperto il gas e via verso un finale di gara che è stato un vero e proprio assolo. I due inseguitori, invece, hanno battagliato fino alla discesa finale quando Giovanni Pensiero, senza preoccupazioni di classifica generale, ha mollato i freni anticipando l’avversario di 38’’ sotto il traguardo di Filignano. Ha fatto fare Luigi Ferritto che, in testa alla classifica del Trofeo dei Parchi Naturali, ha deciso di non prendersi rischi e di accontentarsi del 3° posto e di 26 punti preziosissimi che lo portano a +39 punti dal diretto avversario per la corsa alla leadership finale, Marco Ioppolo (A.S.D. CICLO RECORD), solo 13imo a Filignano.

La corsa al femminile si è aperta con un testa a testa in salita tra Loredana Varlese (CYCLING CAFÈ) e Lucia Minervino (ASD CICLISTICA CASTROVILLARI), ma quest’ultima, rimasta imbottigliata all’imbocco del primo single track, ha iniziato a perdere terreno, non riuscendo più a riprendere la laziale che, chiudendo in 4h04’39’, ha conquistato, per il secondo anno consecutivo, il primo posto. Dietro di lei, attardata di quasi 9 minuti, Lucia Minervino ha consolidato la sua leadership del Trofeo. A -2 tappe dalla conclusione del Trofeo dei Parchi Naturali, per lei e Ferritto, la maglia fiorata diventa sempre meno virtuale.

Il resto della corsa è stata tutta una grande festa iniziata già dal sabato con la Mainarde Kids Race per i più piccoli, gli spettacoli serali e, soprattutto, tantissima gente lungo il percorso a fare il tifo per tutti i 450 partecipanti.

Dopo 5 mesi e 6 tappe, il Trofeo non darà tregua nemmeno ad Agosto, anzi, gli atleti saranno chiamati ad affrontare uno degli appuntamenti più temuti: la Sila Epic. 101 km e 3248mt di dislivello in una Sila tutta da sfidare.

 

Elisabetta Ciminelli

Staff Comunicazione TPN2017

Condividi sui social media