News Musica

HO BISOGNO DI TE MARIELLA NAVA dal 16 giugno in radio

Ecco un nuovo brano tratto dall’album “Epoca” di recente pubblicazione e ben accolto da critica e pubblico.
Ed è stato lo stesso pubblico accorso negli incontri firmacopie e negli showcase della cantautrice tarantina, ancora in corso per far conoscere il suo nuovo lavoro discografico, a scegliere ed indicare come secondo singolo il brano “HO BISOGNO DI TE”.

Un brano che suona da subito caldo nella sua semplicità espressiva, ma che di diritto riesce a spiegarti cos’è ancora oggi una bella canzone d’amore.
Senza sembrare per forza nuova o antica, retrò o moderna.
No, ascoltando questa canzone smetti di cercarne il tempo, i ritmi, i suoni e gli arrangiamenti per la stagione che arriva.

Sei subito dentro ad una sensazione di piacevole verità e ti lasci portare senza resistenze, smetti di pensare ad altro e cerchi in te.
Finisci con il seguire un testo e una musica che ti prende e capisci solo se hai mai amato veramente e perché, nella maniera più totale, da averne urgenza e bisogno.

Non pensi più a se è estiva o ballabile, ma pensi che arriva il tempo migliore per gli abbracci, quello in cui la magia degli incontri può avere il suo giusto spazio, durevoli o no e dici sì, ci può stare bene nel caldo del sole.

Si tratta di una dichiarazione del “bisogno indiscusso e riconosciuto” ad una persona cara, in cui, senza più difese, si ammette: “Ho finito per dirlo, ce ne ho messo del tempo, ma che bello capirlo…!”.

Ed ecco il susseguirsi di esempi, di immagini che scorrono a spiegare i legami di necessità riflesse, come la luna e il sole, come il baco e la seta, come la A e la Z, come il dado e la sua fortuna, come un punto sicuro e la sua frase finita, come il fiato e la salita, come il fulcro e la leva, come il bagnasciuga che conosce e assiste al rituale del più bell’atto d’ amore nel lasciarsi andare della sabbia al suo mare ogni volta che la raggiunge.

Non c’è niente da fare…. “anche il cielo lo sa” riconosce gli amori che diventano la nostra “meta e metà”, che diventano la nostra vita e alla stessa danno il giusto senso.

 

Condividi sui social media