Cronaca

Sequestrati 52 depuratori, otto indagati Manca autorizzazione, facoltà uso concessa ad Acquedotto lucano

A causa della mancanza dell’autorizzazione unica ambientale, in Basilicata, il gruppo Carabinieri Forestale ha eseguito il sequestro preventivo, con facoltà d’uso, di 52 depuratori gestiti da Acquedotto lucano: otto dirigenti al vertice della società che gestisce il servizio idrico integrato risultano indagati con l’accusa di omissione reiterata e sistematica di atti d’ufficio.
Stamani, in una conferenza stampa negli uffici della Procura della Repubblica di Potenza – che coordina le indagini – sono stati forniti i dettagli dell’inchiesta che ha portato alla verifica dei 125 impianti di depurazione funzionanti in Basilicata. Il Procuratore della Repubblica, Luigi Gay, e il Comandante del gruppo Carabinieri Forestale di Potenza, Angelo Vita, hanno evidenziato che “in questo momento non esiste alcun allarme per la salute dei cittadini, tale da spingerci a chiudere completamente con i depuratori”. Ansa

visualizza altro

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close