Cronaca

VIOLENZA SULLE DONNE: GENTILE, RETI PER GENERARE SICUREZZA

Il messaggio positivo che incoraggia e rafforza l’impegno delle associazioni e dei movimenti di donne contro la violenza in giorni come questi è che dalle ombre del passato si può guardare al futuro senza paura , sapendo che solo creando reti fatte di competenza e professionalità , si può generare sicurezza per le donne e i loro figli. A sostenerlo è Rosa Gentile che oltre ad essere vice presidente nazionale di Confartigianato ha lavorato su questi temi da molto tempo sino ad essere nel 2006 tra le protagoniste del Codice Pari Opportunità e nel 2010 della prima Commissione nazionale Pari Opportunità.

Tra le manifestazioni a cui ha partecipato quella di Senise che – dice – è l’esempio concreto di una bella rete, buoni presupposti per il futuro, fatti di condivisione tra donne di esperienze e programmi. E’ il progetto da sostenere della rete dei servizi anti-violenza, da finanziare attraverso il fondo per le pari opportunità da desinare alle attività di sostegno e potenziamento dell’assistenza alle donne vittime di violenza e dei loro figli, attraverso il rafforzamento della rete dei servizi territoriali e dei centri antiviolenza e delle case rifugio, per promuovere misure di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, sostenere gli orfani delle vittime di femminicidio. Il punto di riferimento resta la “necessità urgente” (risoluzione del 20 dicembre 1993 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite) di applicare universalmente “alle donne diritti e principi in materia di uguaglianza, sicurezza, libertà, integrità e dignità propri di tutti gli esseri umani”.

La mia sensazione è che le pari opportunità – afferma Gentile – siano ancora vissute esclusivamente come norme ed obblighi e che le donne rappresentino qualcosa che ancora male si inserisce nel sistema produttivo.

Non valorizzare la sfera rosa può significare non rendersi conto della potenzialità, della creatività, dell’abilità e delle motivazioni che la stessa può portare nella nostra società, ma per attuare serie politiche di pari opportunità è fondamentale che se ne parli sempre e di continuo.

Ma sono sempre più convinta che la cultura della parità si costruisce attraverso una rete di contatti e scambi di informazioni con tutte le associazioni che si battono per la difesa dei diritti delle donne, coinvolgendo assolutamente in questo anche gli uomini, al fine di dare forza, maggiore incisività e diffusione al lavoro delle donne presenti nelle istituzioni, nel mondo del lavoro e nelle associazioni, definendo una linea comune nelle attività future delle pari opportunità. E perchè l’impegno non si esaurisca in una Giornata vanno evidenziate le iniziative messe in campo dall’associazionismo che, da tempo, si trova periodicamente attorno ad un tavolo per discutere di obiettivi comuni, di azioni e sforzi sinergici da mettere in campo per lavorare sia verso l’abolizione di vecchi retaggi culturali, specie di quelli che indirizzano le donne verso le solite professioni in grado di far conciliare la vita professionale con quella familiare, sia per cercare di far svanire nelle stesse la paura di non poter sostenere da sole il percorso imprenditoriale. Oggi più che mai è doveroso considerare la crescente necessità che le donne hanno di lavorare, del loro desiderio di autonomia e, in particolare, della volontà di poter contribuire al miglioramento del reddito familiare, anche in considerazione del fatto che sono ormai numerose coloro che vantano il possesso di talenti professionali specifici. Dalla Giornata – conclude – usciamo comunque rafforzate nella determinazione a proseguire il percorso ed affermare valori e comportamenti culturali innanzitutto di rispetto tra i sessi.

Condividi sui social media