Cronaca

IL COMUNE DI ACERENZA SALUTA L’ARCIVESCOVO SIRUFO

Il Comune di Acerenza comunica che l’intera comunità diocesana, sabato 03 Settembre 2016, è lieta di accogliere il suo nuovo Arcivescovo Mons. Francesco Sirufo nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, dove si terrà la solenne concelebrazione eucaristica insieme all’intero presbiterio diocesano.
Mons. Sirufo è stato ordinato Vescovo il 20 Agosto a Tursi, nella Diocesi dove ha svolto il suo ministero, con la consegna del Vangelo, dell’anello, della mitra e del bastone pastorale.
La celebrazione d’ingresso del nuovo Arcivescovo Mons. Sirufo nella sua nuova  Arcidiocesi di Acerenza, inizierà alle ore16.00 presso Porta Santa Sofia e sarà accolto dalle più alte cariche istituzionali,militari, religiose, dal Sindaco di Acerenza Fernando Scattone e dai sindaci dei diciasette comuni della Diocesi.  Seguirà la processione verso la Cattedrale e nel piazzale della stessa si svolgeranno i primi riti dell’ingresso dell’Arcivescovo che appena giunto alla porta della Chiesa Cattedrale sarà accolto dal Presidente del Capitolo per il bacio del Crocifisso e dal Parroco della Cattedrale che gli porgerà l’aspersorio per il rito dell’aspersione. Per l’occasione e considerata la mole delle persone che parteciperanno alla cerimonia d’insediamento, l’intera area del centro storico sarà chiusa al traffico e alla sosta delle autovetture. Sarà consentito l’accesso solo alle auto delle forze dell’ordine, ai mezzi del 118 e della Croce Rossa oltre che alle autorità presenti. Saranno inoltre predisposte, nella parte periferica dell’abitato, apposite aree di parcheggio, per gli autobus e per le autovetture private ed un servizio navetta per gli
anziani e per i diversamente abili.  In Piazza Arnaldo (adiacente alla Cattedrale di Santa Maria Assunta) sarà sistemato un  maxi-schermo e delle sedie e a partire dalle 17.30 si potrà seguire la Santa Messa.  Pertanto, la comunità acheruntina sarà lieta di condividere con l’intera comunità  diocesana questo importante momento e a tal fine si chiede a tutti la massima  collaborazione affinchè la “macchina” organizzativa dell’accoglienza possa funzionare al meglio.

Condividi sui social
leggi di piu'

articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button