Cultura ed Eventi

WORLD MUSIC AL POLLINO MUSIC FESTIVAL

La traccia d’apertura della XXI edizione del Pollino Music Festival (PMF) sarà nel solco della world music firmata Mama Marjas, che condurrà il pubblico della prima serata (venerdì 5 agosto) in una spirale di ritmi e sonorità provenienti da tutti i sud del mondo. Sul palco allestito a San Severino Lucano, in Piazza San Vincenzo, la reggae singer pugliese presenterà il suo ultimo lavoro discografico, “Mama”, dove la musica giamaicana è solo uno dei tanti territori esplorati dalla giovane artista.

La regina del reggae italiano ha cercato la “negritudine” e l’ha trovata non solo nei suoni ancestrali dell’Africa, ma anche nelle numerose variazioni musicali figlie dell’America; a cavallo tra i due continenti, nell’incontro tra reggae roots, dancehall, soca, mambo, hip hop, blues, soul music e dembow, sono nati i brani, scritti e musicati da Mama Marjas, che vibreranno in alta quota, nel cuore del Parco nazionale del Pollino, per inaugurare la XXI edizione del festival più longevo della Basilicata.

Già ospite del PMF nel 2011, a due anni dal suo primo album, fino ad oggi Mama Marjas ha collezionato oltre 400 date, dominando i palchi e i sound system di tutta Italia e di mezza Europa. Dai suoi primi singoli nel 2007, attraverso i suoi primi tre album – “B-Lady” (2009), “90” (2011) e “We Ladies!” (2012) – fino alle tante collaborazioni con numerosi artisti fra i quali 99 Posse, Neffa, Fresu, Tre Allegri Ragazzi Morti, Africa Unite, Ensi, Clementino e molti altri, Mama Marjas è diventata una star del reggae italiano e non solo.

Sono cresciuti nella cultura dei sound system pugliesi anche la cantante Teta Mona e il bassista Prince Jaguar, due musicisti molto noti nella scena indipendente, che anticiperanno Mama Marjas in scaletta. In featuring, hanno dato vita a pezzi dub ipnotici, in cui le frequenze di bassi scendono dove l’orecchio umano non può sentire, ma che il corpo percepisce. Un incontro artistico felice quello tra i due artisti, i quali proporranno il loro live set ricco di sperimentazioni, che si avvale anche di una sezione fiati e del basso analogico, uniti a beat ed effetti elettronici.

Come da consuetudine, la prima parte della serata musicale sarà riservata a due gruppi emergenti locali, tra i finalisti alle selezioni regionali per il Premio Arezzo Wave. Primi ad esibirsi saranno i The Roots Corporal di Ferrandina. Chitarra, basso, batteria, tastiera, violino, trombone e sax della band esploreranno i panorami reggae, dub e world music che hanno dato forma al loro primo album, “Let’s Just A Good Vibes”, uscito nel 2014. Sarà poi la volta degli Azurine Spring, band indie psichedelica che ha all’attivo svariati live e due EP.

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 17:30, si svolgerà in Piazza Marconi un laboratorio di arti circensi per bambini e ragazzi, a cura di Natural-Mente Circo. Durante la giornata, inoltre, sarà possibile vivere le emozioni della natura, con escursioni guidate e attività ludico-sportive nel Parco Avventura di Bosco Magnano. Il festival proseguirà sabato 6 agosto con The Skatalites, storica band giamaicana, e si chiuderà nel pomeriggio di domenica 7 agosto con i Folkabbestia, che proporranno una suggestiva performance nel Bosco di Visciglie.

Il Pollino Music Festival è realizzato in collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di San Severino Lucano e l’Associazione Culturale Multietnica di Potenza, che ne cura la progettazione, l’organizzazione e la direzione artistica, ed è co-finanziato dall’Ente Parco Nazionale del Pollino e dalla Regione Basilicata, nell’ambito delle azioni volte a potenziare il sistema lucano di offerta turistica, culturale e di spettacolo. Come sempre sarà disponibile un’area attrezzata per il campeggio libero. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.pollinomusicfestival.it e sulla pagina facebook “Pollino Music Festival”.

Condividi sui social media